The Rock Impersonates Hulk Hogan

È considerato un teppista. C gente che ne ha prese più del necessario da me. E deve ancora uscire dall due professori che si sono permessi di trattarmi come un idiota non sono venuti più a scuola Se in un ristorante mi danno delle porcherie, io esco senza pagare e nessuno mi dice niente “Da piccolo ero un fan dell Colombo e i piccoli dettagli mi tengono sveglio la notte.” “All diventerai polvere e se per caso ti stessi chiedendo come è possibile che tu sia stato sconfitto sappi che c soltanto una ragione: mi hai fatto veramente arrabbiare “Non devi solo guardare ma osservare, non devi solo sentire ma ascoltare.

Dopo aver rifiutato di entrare in affari con un potente cartello messicano in espansione verso nord, provocano una violenta escalation di ritorsioni che porter una spietata e vendicatica signora della droga ed il suo fido e sanguinario mastino a rapire la loro donna e a costringerli ad entrare in affari con loro. Dopo aver rifiutato di entrare in affari con un potente cartello messicano in espansione verso nord, provocano una violenta escalation di ritorsioni che porter una spietata e vendicatica signora della droga ed il suo fido e sanguinario mastino a rapire la loro donna e a costringerli ad entrare in affari con loro.Pur con la magniloquenza che lo contraddistingue e sfoderando un repertorio di sequenze aeree mozzafiato, serrata dialettica del montaggio e piani sequenza avvolgenti, il vegliardo del cinema hollywoodiano da sempre votato all civile e ad alte dosi di retorica, si lancia nel drug drama patinato (ormai tutte le definizioni e combinazioni classificatorie del cinema americano sono lecite) che, come un interminabile viodeoclip promozionale, passa con divertita leggerezza dalle dinamiche action dell boiled alla involontaria parodia di una moderna tragedia shakesperiana di insaziabile cupidigia, passioni violente e vendette sanguinarie.Al netto di una confezione prestigiosa e delle buone intenzioni di un soggetto letterario (curato e adattato dallo stesso autore del libro da cui tratto) siamo pi dalle parti dell posticcio e delle passioni di plastica di Counselor (anche se il film di Scott, basato sulla sceneggiatura originale dello scrittore Cormac McCarthy, in realt successivo) che di un messa alla berlina dei clich del cinema d e d west coast, tra bellimbusti che se la spassano tra sesso e droga, poliziotti corrotti e doppiogiochisti quanto basta, donne fatali e manipolatrici e l elemento del crimine e della follia incarnato dalla maschera trucida e beffarda del (sempre) grande Benicio del Toro. I gusti sono gusti,si sa, e pur se nei 140 minuti abbondanti non ci si annoia pi di tanto, il blockbuster targato Stone esercita l e la brutalit con spudorata e incurante superficialit finendo per articolare la narrazione lungo il classico binario morto della compulsione vendicatrice (con doppio finale da over che ci tormenta per tutto il film) e disegnando una galleria di stereotipi che sfiorano il macchiettismo (il seal spicciativo e violento, lo yuppie riflessivo e sensibile, la ganza disponibile e gaudente, l regina dispotica e tormentata, lo scagnozzo trucido e sanguinario, il poliziotto corrotto fino al midollo e perfino il classico avvocato della mala che fa una brutta fine).

Leave A Reply