The Rock Rock Bottom Hulk Hogan

Scusate se intervengo ancora ma il sottotitolo grida vendetta: come sarebbe a dire che Italia, Grecia e Spagna stanno uscendo dalla crisi? NON E’ PER NIENTE VERO! Ciò che è vero, invece, è che questo ennesimo calcio nelle palle degli Italiani sferrato dal PD e aei suoi “personaggi” elevati dal nulla a cariche troppo grandi per loro è la prova che l’Italia la vogliono sfasciare. Sveglia, iniziamo a farci sentire! Basta coi soliti inutili commenti sui social: rovesciamoli alle prossime elezioni se mai ci saranno, ed iniziamo da subito a fare opposizione dura perlomeno con le nostre scelte di acquisto: non compriamo neanche uno spillo da produttori e rivenditori in “odore di PD”! Forza, in nessun altro Paese del mondo (beh, forse in Corea del Nord.) sarebbero al potere quegli sfascia Italia quindi se ci sono ancora la colpa è anche nostra. SVEGLIA!!!.

E diciamoci la verità, quest’Uomo, come creazione, non è un prodotto venuto poi cosi bene. Pieno di falle, di pecche, di lacune. Un prodotto mediocre alfine. Se volessimo raccontarla dal lato dell’ottimista, allora potremmo dire che la Spagna dopo nove trimestri di crescita negativa la crescita è tornata positiva nella seconda metà del 2013. L’export sta performando bene, nota il Fmi, “conquistando quote di mercato”, mentre il conto corrente “è in surplus per la prima volta dal 1986. “Il turismo è in boom e gli indicatori di competitività sono in crescita”..

“Il re nero” non contiene descrizioni dettagliate della situazione mondiale dell’epoca ma dai dettagli sparsi qua e là ci si fa l’idea che le cose vadano male. sempre difficile mantenere in un romanzo ambientato nel futuro un equilibrio tra l’inserire notizie sulla situazione nel mondo a quell’epoca e l’evitare di appesantire la storia inserendone troppe. A me piace trovare quel tipo di informazioni, soprattutto in un romanzo con importanti connotazioni fantapolitiche, tuttavia “Il re nero” ha già una lunghezza vicina ai limiti di “Urania” e la trama è già assai complessa..

Sorretto da una storia un pò più conseguente di quelle solitamente interpretate dal molleggiato nazionale, il film offre un accettabile divertimento per tutti. Il pubblico, naturalmente, non ha risposto come in altre, meno brillanti occasioni. (Francesco Mininni, Magazine italiano tv) Passati i deliri parareligiosi di “Joan Lui”, Celentano torna in famiglia tra Castellano Pipolo, la coppia carbone, e Cecchi Gori.

L’unica concessione al colore, e alla vita, è quel rosso finale nel bianco della neve, simbolo di speranza e forse anche di riscatto, ma non di una nuova purezza, impossibile da raggiungere nel mondo sporco di Chan wook Park. Una sera viene rapito e misteriosamente internato per quindici anni durante i quali assiste inerme alla notizia dell della moglie che lo rende il primo dei sospettati. Finita la prigionia, l cerca disperatamente di capire il perch di questo rapimento e chi ci sia dietro..

Leave A Reply